“La vita di una foto”

La foto di Samantha Cristoforetti che vedete qui, l’ho realizzata nel gennaio 2011, in occasione di un numero speciale di Sette del Corriere della Sera dedicato a “Un giorno nella vita dell’Italia”. L’idea, la voglia, di fotografarla mi era nata già tre mesi prima dopo aver appreso che aveva molte chance di diventare la prima astronauta donna italiana dopo 6 uomini. Aspettavo solo una occasione buona. Approvata da Sette l’idea, ho impiegato due mesi per prendere i contatti e una settimana per gli accordi e per ottenere le autorizzazioni per la location, in questo caso il Planetario di Milano. Una giornata, con l’aiuto di un assistente, l’ho impiegata per fare le foto e altre quattro ore sono servite al fotoritoccatore per completare l’opera. Dopo l’uscita su Sette è stata pubblicata ancora una volta da Io Donna, il femminile del Corriere. Punto. Oggi però la ritrovo su tanti siti e giornali on-line che l’hanno scaricata dalla mia home page senza pagare un solo euro di diritti (non voglio pensare a quanti cartacei avranno fatto la stessa cosa). Ormai questa modalità modernissima di prendere il frutto del lavoro altrui “a gratis” senza farsi scrupoli, sembra sia la cosa più naturale di questo mondo. Certo, io il mio guadagno l’ho già avuto dalle due pubblicazioni citate. Fate voi i conti: a fronte di 500 € di spese , 400 € di incasso in tutto (sapete, anche i giornali hanno budget ridotti per le foto…)
C’è una morale?
Anche qui fate voi .
Io voglio solo fare tantissimi auguri di cuore a Samantha per una felice riuscita della sua missione.

Samantha Cristoforetti, Astronaut © Armando Rotoletti
Samantha Cristoforetti, Astronaut © Armando Rotoletti

Rispondi