Magia è anche presentare un libro dentro la sua “copertina”

Magia è anche presentare un libro dentro la sua “copertina”. Accade raramente, è accaduto martedì sera a Scicli, sul sagrato della Chiesa della Consolazione dove un pubblico attento e numeroso (molte persone sono arrivate da fuori) ha ascoltato le parole dei relatori che insieme a me raccontavano “Scicli città felice” (“Scicli city of Joy”) analizzando soprattutto il senso di quel titolo evocativo e augurale. Il colto e brillante eloquio di Pietrangelo Buttafuoco, nel ruolo di moderatore, ha stimolato me stesso e  due dei curatori del testo, Sandro Franchini e Paolo Nifosì, il giornalista Carlo Ottaviano, a spiegare il senso di felicità che comunica Scicli, pur con la consapevolezza che anche questo centro della Sicilia sudorientale come altri vive le sua contraddizioni. Ma, se Elio Vittorini molti anni or sono celebrava poeticamente Scicli come “la più bella città del mondo”, se nel tempo Scicli non ha perso il suo fascino, occorre ad ogni costo “conservarlo”. Come ha auspicato in chiusura di serata Marisa Fumagalli coautrice dei testi e curatrice del coordinamento editoriale.

2 Risposte a “Magia è anche presentare un libro dentro la sua “copertina””

Rispondi